E la strada si apre passo dopo passo

Di   19/11/2014

daisy-319695_640

“I vostri figli non sono vostri… sono i figli e le figlie della forza stessa della vita. Nascono per mezzo di voi, ma non da voi”.

Ho letto questi versi di una famosa poesia di Gibran Kahlil Gibran, poeta libanese, tanto tempo fa, quando i miei figli erano ancora piccoli. Li ho conservati nella mente e nel cuore in questi anni pensando che erano adatti ad ogni età, ad ogni passaggio importante della loro vita.

Ci sono tante esperienze che si vivono insieme ai figli che crescono che ti fanno capire come siano vere queste parole e man mano che i ragazzi crescono le occasioni si fanno sempre più frequenti: il passaggio ad un ordine superiore di scuola, il cambiamento fisico (ahimè diventano più alti di noi!)…

Ci sono poi tappe, per noi che abbiamo la grazia della fede in Dio, che corrispondono alla crescita spirituale: la prima confessione, così piccoli ma pronti a ringraziare Dio e a chiedere perdono, la prima comunione, ricevere Gesù nell’Eucaristia, la Confermazione, da cristiani adulti e consapevoli dicono si a Dio e ne ricevono lo Spirito.

Proprio nel Sacramento della Confermazione che nostro figlio, Emanuele, ha ricevuto a fine ottobre, ho provato forte il sentimento che la nostra creatura, nostro figlio fosse un dono di Dio, nato da noi, non per noi, ma per la Chiesa e per il mondo. Sentimento di gioia, di gratitudine, ma anche di timore, preoccupazione di lasciarlo andare per il mondo sui suoi piedi, consapevole di non poterlo accompagnare per mano ovunque e per sempre.

Presa dall’emozione e da questi pensieri ho letto la frase che la madrina di Emanuele ha scelto per questa occasione: “La strada si apre passo dopo passo”, quale augurio migliore per lui e per noi.

Proprio così, passo dopo passo, la strada si apre davanti a noi, davanti ai nostri figli, una strada che va affrontata con la consapevolezza che non camminiamo mai da soli e con la coscienza che per raggiungere un obiettivo ci vuole pazienza, costanza, forza e determinazione.

 

Valeria