I domenica di Quaresima

Di   21/02/2015
Brooklyn_Museum_-_Jesus_Tempted_in_the_Wilderness_(Jésus_tenté_dans_le_désert)_-_James_Tissot_-_overall

James Tissot, Gesù tentato nel deserto, 1886-1894

La Quaresima è appena incominciata e già S. Pietro ci fa alzare lo sguardo al cielo dove Gesù risorto vive per sempre e da dove continua a lavorare, con noi e per noi, alla nostra salvezza.

Subito questo tempo forte ci fa entrare nel grande ritorno che è già cominciato, fin dall’inizio dei tempi. E’ sempre Dio che ritorna per primo: quando qualcosa si spezza o muore, quando la relazione con Lui si raffredda o sembra finire, ecco l’arcobaleno, un segno colorato, senza spigoli, simile a un abbraccio, quasi una via luminosa e invitante che si può percorrere per incontrarsi di nuovo.

Perciò occorre, anche in questo tempo di impegno più deciso, tenere lo sguardo fisso su Gesù Risorto, perché è Lui il compagno e la meta, è Colui che ci viene a cercare quando siamo perduti ( l’accenno di S. Pietro alla discesa di Gesù agli inferi, dopo la sua risurrezione, ci conforta).

Intanto lottiamo come Gesù nel deserto. Nei nostri deserti – quelli del cuore diventato arido, della mente troppo razionale, delle mani e dei piedi impigriti, paralizzati, perché siamo egoisti, superficiali, distratti… – Gesù lotta con noi.

Non è una passeggiata, non è facile la vita cristiana, ma chi si è lasciato affascinare da Gesù sa che è bello vivere con Lui e rende felici.

A questa felicità vogliamo tornare, in questo tempo di Quaresima, ringraziando di aver ricevuto il dono del Battesimo, ripercorrendo, in preghiera, tutto quello che abbiamo ricevuto con questo Sacramento, nei segni dell’acqua, della luce, dell’olio, nei gesti e nelle parole del sacerdote.

Siamo figli di Dio, fratelli di Gesù e fra noi, siamo abilitati ad ascoltare la Parola e ad annunciarla, con le parole e con la vita; la nostra casa è il cielo, fin da ora.

Sì, è tempo di tornare alle cose che contano e che restano, di cui è impastata la nostra vita, gustando i doni ricevuti, rifiutando con decisione ciò che ci allontana da Dio, stringendo con più consapevolezza e gioia l’alleanza con Lui.