Quaresima 2017

Di   06/03/2017

Quest’anno, come è consuetudine da qualche anno ormai, un gruppo di noi soci residenti a Roma  ha deciso di fare l’esperienza degli esercizi spirituali di inizio Quaresima. Giusto un week-end a Frascati, alle porte della capitale. Un’occasione breve ma intensa per alimentare la nostra relazione con Dio, per “respirare” a pieni polmoni e poi ri-cominciare a camminare con più energia. E per stare insieme adulti, anziani, giovani e bambini.

Novità di quest’anno? Sr Amelia è stata il predicatore degli esercizi. Il gruppo, comprendeva tanti non soci, se pur quasi tutti amici, direttamente o indirettamente, di Sr Amelia e appartenenti per lo più alla parrocchia romana di sant’Ippolito, guidata dal parroco don Mauro. I figli di noi soci hanno fatto per la prima volta l’esperienza degli animatori dei bambini, organizzando attività parallele a quelle dei grandi ed approfondendo con i piccoli la figura di Madre Teresa di Calcutta.

Il titolo degli esercizi è stato “L’impasto” a voler sottolineare l’esigenza di impastare la nostra vita di tutti i giorni con il lievito del nostro rapporto col Signore, facendo sì che ogni momento della nostra giornata sia un ingrediente e che tutto ciò che ci sta intorno contribuisca alla realizzazione dell’impasto. Così ogni momento della giornata, da quando usciamo frettolosamente per andare al lavoro o ci dedichiamo alle faccende domestiche a quando andiamo a riposare, diventa occasione di crescita, di preghiera, di ascolto, di servizio, di riflessione, di ringraziamento e il nostro “primo marito”, come lo chiama Sr Amelia, è sempre lì che ci bisbiglia qualcosa nell’orecchio, esattamente come fa l’innamorato all’innamorata. E a Maria ci siamo affidati all’inizio degli esercizi affinché ci illumini e ci insegni a trovare questo spirito di unità e a vivere la nostra vita come un tutt’uno attraverso il quale Dio ci parla e ci conduce (come diceva Carlo Carretto).

Bellissimi i momenti in cui ci siamo ritrovati a tavola insieme a raccontarci le nostre cose. Emozionante l’entusiasmo contagioso dei nostri ragazzi e bambini, per i quali gli esercizi sono diventati un momento irrinunciabile dell’anno. Commovente la naturalezza con la quale i più piccoli venivano coccolati e consolati da tutti, come in un’unica grande famiglia.

Meraviglioso ritrovarsi insieme con le nostre famiglie a sentire la catechesi profonda di Sr Amelia, a riscoprire il significato dei vari momenti della messa, ad ascoltare tutti i trucchetti per avvicinarsi al sacramento della riconciliazione con maggiore profondità. Personalmente ho fatto un salto indietro di più di venti anni, quando Sr Amelia, faceva catechesi a noi ragazzi dell’allora dopo-cresima di Sant’Ippolito o ci accompagnava ai campi-scuola estivi, o ci proponeva occasioni di servizio. Quello che siamo oggi è frutto anche di quelle catechesi che quest’anno abbiamo rivissuto con la maturità di qualche anno di età in più.

Buona Quaresima a tutti.

Claudia